Siena Online (www.sienaonline.it)

SIENA Speciale - Fuori città - Le Crete Senesi


Il lembo di terra a sud-est di Siena, è rappresentato da un tipico e nello stesso tempo unico paesaggio quello delle Crete. Il tratto di strada che da Siena porta a Montalcino, attraversa il cuore delle Crete, ed è tra i paesaggi più belli d’Italia, che in molti ci invidiano.

Crete senesi
Crete senesi


E’ questo un territorio argilloso, percorso da strade sinuose, contraddistinto dalla presenza di biancane, dossi dalla forma rotonda e dal colore biancastro, che danno la sensazione di viaggiare su un mare di terra e calanchi, simili a profondi tagli, lacerazioni che si aprono in questa terra molto friabile.

Un paesaggio quindi di grande fascino, per chi, per la prima volta si trova a visitarlo, irreale per il colore grigio delle crete e per il giallo che tende all’arancione del tramonto, colori che cambiano con l’alternarsi delle stagioni.

Ovunque sorgono borghi medievali, pievi, castelli e rocche fortificate ma soprattutto antichi poderi che testimoniano la civiltà contadina di queste zone.

Il borgo medievale di Asciano è dei più affascinati, abitata dagli antichi Etruschi, è crocevia di strade antiche, come la Lauretana, la via di Rapolano e la strada bianca di Monte Sante Marie.

Ancora oggi si possono ammirare parte delle mura che circondavano il paese, le strette strade medievali e antichi palazzi. Nel centro storico si trova la basilica di Sant’Agata che conserva opere del Signorelli e del Sodoma, la chiesa gotica di San Bernardino, sede del Museo etrusco.

Dista pochi chilometri da Asciano, l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, la cui visita è d’obbligo, uno dei complessi monastici più importanti di tutto il senese, fondato da Bernardo Tolomei.

Molti e di ottima qualità sono i prodotti agricoli che nascono da questa terra delle Crete Senesi, grazie alle distese di pascoli verdeggianti che si aprono intorno ad esse, alle coltivazioni di girasoli, ai campi di grano, ai vigneti che producono eccellenti vini come il Brunello di Montalcino e, è ad esempio dalla lavorazione del latte di Asciano, prodotto dalle pecore che pascolano nelle Crete cibandosi della presenza di cespugli aromatici che nasce il pecorino un formaggio dal sapore unico. Nella zona di San Giovanni d’Asso, il borgo più antico delle Crete, è invece possibile trovare uno dei tartufi più pregiati e costosi, il tartufo bianco oltre ovviamente al tartufo nero, cui è dedicata in novembre la tradizionale Mostra-Mercato, mentre nei sotterranei del castello, uno dei più antichi della provincia di Siena, ha sede il primo Museo del Tartufo in Italia.
Altri prodotti tipici sono il carciofo di Chiusure e il miele prodotto nella zona di Montalcino, dove famosa è anche la grappa prodotta con le uve di Brunello, negli ultimi anni è cresciuta la produzione e la qualità dell’olio d’oliva delle Crete.
Tutti questi prodotti si ritrovano al Mercatino delle Crete Senesi, che si tiene ogni seconda domenica del mese ad Asciano accanto a prodotti dell’artigianato locale.

Il territorio delle Crete Senesi si caratterizza anche per la presenza di cave di travertino, la cui attività si concentra nella zona di Serre di Rapolano.
E’ del 1597 il primo documento che testimonia l’utilizzo di fornitura di travertino per la costruzione della Chiesa di Santa Maria in Provenzano a Siena, e a seguire la chiesa di San Biagio a Montepulciano, la facciata e il campanile della cattedrale di Pienza.




Siena Online © Copyright 2005-2022 by SCG Business Consultig Sas di Giacomelli E. & C. (www.scgconsulting.com)