Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Mercoledì 26 Aprile 2017
Italiano English

Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete

Email this page | Printable
L’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, sorge a 273 metri di altezza s.l.m., in località Chiusura, a pochi chilometri da Asciano, in provincia di Siena. Il complesso è immerso in un fitto bosco di piante secolari e domina il caratteristico paesaggio delle Crete Senesi.

L’Abbazia, venne fondata nel 1319 da tre nobili senesi Bernardo Giovanni Tolomei, Patrizio Patrizi e Ambrogio Piccolomini, che decisero di abbandonare lussi e ricchezze per ritirarsi in questo luogo solitario e vivere secondo la regola di San Benedetto.
La costruzione del monastero venne iniziata nel 1393 e terminata nel 1526, il complesso si caratterizza per una serie di edifici che subirono nel periodo rinascimentale e barocco diversi rimaneggiamenti. L’abbazia è preceduta da una imponente torre quadrangolare, parte di ciò che rimane dell’avamposto di difesa del monastero.
Dal cortile si percorre un ampio viale di cipressi, sulla cui sinistra si trova l’orto botanico dell’antica farmacia, mentre poco più avanti sempre sulla sinistra è posta una peschiera, realizzata nel 1553 da Pelori e utilizzata dai monaci per nutrirsi di pesce nei periodi in cui la “regola” vietava il consumo di carne.

Il viale conduce alla maestosa ed austera Chiesa abbaziale di età tardo-gotica, eretta tra il 1399-1417 dall’Abate Ippolito di Giacomo da Milano, l’interno è a pianta a croce latina ad un’unica navata, di particolare rilievo è il leggio ligneo di Raffaele da Brescia e il coro ligneo intarsiato, opera di Fra’ Giovanni da Verona. Dal transetto si accede alla Cappella del Sacramento, nel cui altare si trova un Crocifisso in legno, opera realizzata nella prima metà del Trecento. Nel 1772 la chiesa venne rivisitata secondo uno stile tardo-barocco da Giovanni Antinori.

Dei tre chiostri quattrocenteschi, di cui si compone l’intero complesso abbaziale, notevole è l’attenzione dei visitatori per il Chiostro Grande, a pianta rettangolare, costruito fra il 1426 e il 1443, si caratterizza di due loggiati, sovrapposti su colonne, conserva nel portico un ciclo di affreschi dedicati alla vita di San Benedetto, sono 36 grandi scene, realizzate a partire dal 1497 da Luca Signorelli e terminate nel 1508 dal Sodoma. Il Chiostro Centrale, si contraddistingue per un porticato che poggia su colonne poligonali, da qui si accede passando per un atrio al Refettorio, decorato con affreschi di Fra’ Paolo Novelli.

Il monastero, possiede anche una ricca Biblioteca, che comprende ben 40.000 volumi, opuscoli, pergamene, molto di questo materiale viene accuratamente restaurato dai monaci. Dalla Biblioteca si giunge alla Farmacia, che conserva un’importante raccolta di vasi del XVII secolo, che contenevano le erbe dalle quali ancora oggi si ricavano miele e liquori.
La definizione giusta dei monaci olivetani è Monaci Benedettini di Santa Maria di Monte Oliveto, tra le varie congregazioni dell’Ordine Benedettino, questa si distingue per la grande devozione alla Madonna, testimoniata per altro dall’abito bianco indossato dai monaci, simbolo di purezza.
Spesso molti visitatori sono incuriositi ed attratti dallo stile del canto gregoriano, di grande suggestione e spiritualità.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana