Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Lunedì 29 Maggio 2017
Italiano English

I giorni del Palio

Email this page | Printable
Visitare Piazza del Campo nei giorni del Palio significa vederla sotto una luce completamente diversa: il tufo ocra cambia i colori della piazza a forma di conchiglia e le tribune di legno, che circondano la pista (pronte ad accogliere il Corteo Storico, e le maggiori Autorità Senesi), danno una visione nuova; chiunque arrivi a Siena per la festa ne viene coinvolto perché l’atmosfera di quei giorni è unica al mondo, come lo stesso Palio.

Il Palio si tiene due volte l’anno ma la preparazione inizia molto prima, intorno alle ore 13.00 del 29 giugno per la corsa del 2 luglio e sempre intorno alle ore 13.00 del 13 agosto per la corsa del 16 agosto. Le Contrade attualmente sono diciassette, è il caso di far notare che la pista (l’anello intorno alla Piazza del Campo, opportunamente ricoperto da uno strato di tufo) non può contenere più di dieci cavalli: quindi un particolare sistema di turni alternati e parziali sorteggi, i quali avvengono almeno venti giorni prima, garantisce una certa periodicità nella partecipazione all’appassionante gara. Le sette Contrade che non hanno corso il Palio dell’anno precedente nella stessa data partecipano di diritto, mentre le rimanenti tre vengono sorteggiate.

Il primo atto ufficiale del Palio è del 1721 (il Bando del Collegio di Balia), il quale provvide a regolamentare la corsa. Le regole sono in tutto sedici e determinano: gli orari delle prove della vigilia, le modalità per l’assegnazione dei cavalli e per lo svolgimento del corteo, le regole a cui i fantini devono attenersi fra i canapi (le corde) e la somma aspettante al vincitore.
Il giorno 29 giugno (per il Palio del 2 luglio) e il giorno 13 agosto (per il Palio del 16 agosto) i cavalli sono portati dagli allevatori nell’Entrone (il cortile del Podestà nel Palazzo Pubblico) dove, dopo accurate visite dei veterinari, sono scelti e registrati fra oltre trenta soggetti. Successivamente sono raggruppati in batterie e per tre giorni sottoposti a prove intorno alla pista in Piazza, per verificare se sono idonei al percorso. Conclusasi questa fase, tutti i Capitani di ogni Contrada si riuniranno alla presenza del Sindaco per scegliere i dieci cavalli che correranno il Palio.
Seguono le operazioni della “tratta”: attraverso il sorteggio sono assegnati i cavalli ad ognuna delle dieci Contrade partecipanti. Dopo l’assegnazione, ogni giorno alle 9.00 e alle 19.00 si svolgono le prove per abituare il cavallo e il fantino ai saliscendi e alle secche curve del percorso. Al termine della quinta prova, detta “prova generale”, ciascuna delle dieci Contrade organizza una grande cena propiziatoria. La mattina del Palio, verso le 7.00, nella Cappella adiacente al Palazzo Pubblico viene celebrata dall’Arcivescovo la Messa del Fantino, subito dopo ha luogo l’ultima prova detta “provaccia”: si svolge con scarso impegno del fantino, ormai concentrato per la gara. Si procede alla “segnatura dei fantini”, i quali non potranno essere sostituiti neanche in caso di morte e di seguito si passa alla benedizione dei cavalli presso gli oratori di ogni Contrada.
Alle ore 15.00 il “sunto”, ovvero il campanone della Torre del Mangia, inizia a far sentire i suoi rintocchi.

Per le strade della città fa la sua uscita il Corteo Storico, la sua entrata in Piazza del Campo è preceduta da un gruppo di Carabinieri a cavallo dalla curva del Casato.
Lo scoppio del “mortaretto” annuncia l’uscita dei Cavalli dall’Entrone, che si posizionano al punto della “mossa” (la partenza), la decima e ultima Contrada entreranno lanciate determinando il momento della partenza e alla fine dei tre giri di pista (circa 1000 metri) si decreterà il cavallo vincitore. Tra gli ultimi giorni di settembre e i primi di ottobre, nella Contrada vittoriosa si svolge la “cena della vittoria” pensando già al prossimo Palio.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana