Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Mercoledì 26 Aprile 2017
Italiano English

Palazzo Piccolomini e delle Papesse

Email this page | Printable

Dalla Croce del Travaglio, lungo Via Banchi di Sotto di fronte l’Università (antico collegio dei gesuiti), si impone con tutta la sua austera mole il Palazzo Piccolomini: il più bel palazzo rinascimentale di Siena, fatto costruire da Giacomo e Andrea Piccolomini Todeschini nipoti di Papa Pio II.

Siena Online Siena - Palazzo Piccolomini e delle Papesse
Siena - Palazzo Piccolomini e delle Papesse


Fu questa la residenza della nobile famiglia senese, banchieri della corte papale che fin dal XII secolo era tra le più importanti e influenti della città. A Bernardo Rossellino, architetto prediletto di Papa Pio II ed al secolo Enea Silvio Piccolomini, spetta probabilmente il progetto dell’edificio, mentre la direzione dei lavori di costruzione – il cui inizio avvenne nel 1469 – spettano a Pier Paolo del Porrina.

Elegante e armoniosa è la facciata in pietra a tre piani sulla quale sono presenti due stemmi della famiglia Piccolomini, la parte superiore è aperta da bifore e da finestre a croce guelfa ed è coronata da un cornicione. Il palazzo si caratterizza anche da un cortile interno, i cui capitelli sono sicuramente opera dello scultore Marrina e realizzati intorno al 1509 -1510.

Nella sua magnificenza il palazzo ricorda sia Palazzo Ruccelai di Leon Battista Alberti, sia quello che lo stesso Rossellino disegnò per il Palazzo Piccolomini di Pienza. Alla fine del secolo XVII, questa grande famiglia si estinse e la Consorteria Piccolomini decise di affittare l’edificio al Collegio Tolomei (Istituto fondato da Celso Tolomei nel 1629, il cui compito era quello di educare giovani nobili), che vi rimase fino all’inizio dell’Ottocento. Successivamente il Collegio si trasferisce altrove e dal 1824 il palazzo viene concesso in uso allo Scrittoio delle Regie Fabbriche, cioè allo Stato, divenne così sede di vari uffici governativi.

Dal 1858 ospita l’Archivio di Stato che, oltre ad una raccolta cospicua di documenti storici, artistici e letterari, conserva la Galleria delle 103 Tavolette Dipinte cioè delle copertine dei libri di Biccherna e Gabella (libri contabili del Comune del XIII – XVIII secolo). Nel corso degli anni fino ai giorni nostri l’edificio è stato più volte sottoposto a restauro e per lo sviluppo delle funzioni dell’Archivio, la superficie del palazzo è stata ampliata. Attualmente le sale adibite ad uffici, laboratori e depositi dell’Istituto sono 108.

Sorge a pochi passi da Piazza del Campo, lungo la prestigiosa Via di Città, il Palazzo Piccolomini noto come Palazzo delle Papesse e costruito per volere di Caterina Piccolomini (tra il 1460-1495), sorella di Papa Pio II, la quale affidò il progetto a Bernardo Rossellino. L’edificio è un tipico esempio di architettura rinascimentale di gusto fiorentino, che si sviluppa su tre piani: al pianterreno la facciata è in pietra a bugnato, ai piani superiori si caratterizza per la presenza di bifore. Nel 1884 il palazzo fu acquisito dalla Banca d’Italia e fu quindi sottoposto a diverse modifiche per adeguarsi alla nuova funzione, risalgono a questo periodo gli affreschi in stile neorinascimentale che decorano alcune sale del piano nobile del palazzo. Al secondo piano è posta una terrazza dalla quale si può ammirare uno scorcio del cosiddetto “facciatone” del Duomo, mentre nel punto più alto del palazzo (sul tetto) è collocata un’altana che offre una straordinaria veduta di Siena.

Dopo un nuovo e accurato restauro, nel novembre del 1998, il palazzo è stato riaperto al pubblico con la nuova funzione di Centro per l’Arte Contemporanea, sostenuto sia dal Comune di Siena sia da sponsor privati. Ha come obiettivo la promozione dell’arte contemporanea attraverso un’ intensa attività di mostre, eventi e svolgendo anche iniziative editoriali, di ricerche sperimentali e di didattica. Tre sono le aree di cui dispone il Centro per le esposizioni: al pianterreno è il Bookshop (rinnovato su progetto dell’artista Luca Pancrazi), una libreria specializzata in arte contemporanea e spazio che annualmente viene interpretato da artisti diversi; segue l’ex Caveau della Banca d’Italia – camera di sicurezza, costruito nel 1952 – divenuto ora lo spazio in cui a rotazione ogni artista crea la propria opera inedita; tutte le sale del palazzo ospitano altrettante opere di vari artisti.

 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana