Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Giovedì 20 Luglio 2017
Italiano English

Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto

Email this page | Printable
Il Palio di Siena si tiene nella città due volte all’anno, esattamente il 2 luglio e il 16 agosto. Qualche volta per occasioni molto particolari può esserci un terzo Palio, detto “straordinario”, il primo si corse il 2 giugno 1861 per festeggiare la proclamazione del Regno d’Italia.
E’ Piazza del Campo, per l’occasione rivestita di terra ocra, teatro di questa splendida manifestazione. Sostanzialmente è una corsa di cavalli ma sono tante le regole fuori dell’ordinario che la disciplinano, differenziandola da tutte le altre competizioni: per questo può essere definita unica.

In entrambe le competizioni quella del 2 luglio e quella del 16 agosto, dopo una lunghissima e scenografica sfilata in costume e una parata di sbandieratori, ad un colpo del “mortaretto” i dieci fantini a cavallo si contendono il Palio (un prezioso drappo di stoffa) davanti ad una folla quasi “impazzita”, in una gara a dir poco emozionante.

Il Palio del 2 luglio è dedicato dal 1656 al miracolo della Madonna di Provengano: ricorda il ritrovamento dell’immagine della Madonna nel giorno del 2 luglio 1594 da parte del senese Provenzano Salvani (al quale è stato dedicato la piazza dove poi sorse la Chiesa), in una casetta della Contrada della Giraffa che divenne da allora luogo di pellegrinaggio in segno di ringraziamento alla Vergine che s’era manifestata. Qui fu costruita la chiesa della Madonna di Provenzano, dove ancora oggi al suo interno sull’altare maggiore è custodita e venerata l’immagine a rilievo della Madonna.
Il Palio del 2 luglio fu il primo che venne corso intorno a Piazza del Campo e per questo definito alla “tonda” rispetto al Palio alla “lunga”, che si correva il 15 agosto, e si svolgeva per le vie della città con l’arrivo in Piazza Duomo (dedicato appunto a Santa Maria Assunta).

E’solo all’inizio del Settecento che si decise di introdurre un secondo Palio delle Contrade, quello appunto del 16 agosto che celebra la festa dell’Assunta. Fu la Contrada dell’Oca che nel 1701, data l’emozione per aver vinto il Palio di luglio, chiedeva di poter correre un nuovo Palio: una sorta di rivincita nella quale metteva a disposizione la sua vincita in denaro, di cui una parte serviva per coprire le spese per organizzare il nuovo Palio mentre l’altra veniva assegnata alla nuova Contrada vincitrice.
Nel 1774 il Comune di Siena sanciva così definitivamente l’organizzazione dei due Palii, quello del 2 luglio e quello del 16 agosto.

L’elemento religioso traspare evidente in ambedue i Palii, dedicati alla Vergine Maria, inoltre prima della corsa cavallo e fantino sono benedetti con una particolare cerimonia religiosa nella cappella della Contrada. Dopo la corsa i contradaioli, che hanno visto il proprio cavallo arrivare per primo al traguardo, si recano a luglio alla Basilica di Provenzano per ringraziare la Madonna di Provenzano ed al Duomo di Santa Maria Assunta in agosto.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana