Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Lunedì 29 Maggio 2017
Italiano English

Il Santuario Cateriniano

Email this page | Printable
Lungo Via Santa Caterina, imboccando una ripida discesa, si arriva al Santuario e Casa di Santa Caterina, un luogo divenuto meta di continui pellegrinaggi. La Casa di Santa Caterina, venne trasformata in santuario nel 1464, qui sono raccolti molti documenti inerenti alla sua vita e dipinti che raffigurano la sua storia.
L’ingresso originario al complesso cateriniano si affacciava sul vicolo del Tiratoio, attraverso un grazioso portale del Rinascimento sul cui architrave è scritto: Sponsae Kristi Chatarinae Domus, poi nel 1941 viene costruito il Portico dei Comuni, divenendo così il nuovo ingresso.
Da qui si accede all’Oratorio del Crocifisso (dove un tempo era l’orto dei Benincasa), ad una navata, decorato da affreschi di Giuseppe Nicola Nasini. Vicino all’altare maggiore si conserva il Crocefisso realizzato su tavola, dal quale la Santa ricevette le Stimmate nella Chiesa di Santa Cristina a Pisa nel 1375, l’opera fu asportata da Pisa e portata a Siena nel 1565. Attiguo è l’Oratorio Superiore o della Cucina, probabilmente ricavato in parte nella cucina della famiglia Benincasa. Si caratterizza per il bel pavimento in maiolica in gran parte del secolo XVII e per un elegante soffitto ad intaglio su disegno del Riccio. Sull’altare , che racchiude le pietre dell’antico focolare, c’è una tavola rappresentante le Stimmate della Santa (di Bernardino Fungai) entro inquadratura dipinta dal Riccio (1572), alle pareti stanno 17 quadri di diversi artisti, tra i quali ricordiamo Francesco Vanni, Pomarancio, Manetti ecc… Da qui per una scala, si scende nell’Oratorio della Camera, affrescato con Storie della Santa da Alessandro Franchi nel 1896, sull’altare è una tavola con le Stimmate della Santa di Girolamo Benvenuto, e sul muro si apre la cella dove si ritirava Caterina, qui vi si conservano alcuni oggetti che le appartennero e la pietra che le serviva da origliere.
Scendendo ancora un altro braccio di scale dopo un vestibolo, si entra nell’antico “fondaco” dei Benincasa, trasformato nella Chiesa di Santa Caterina, della Contrada dell’Oca. Sull’altare una statua lignea policromata della Santa, lungo le pareti scene di vari Miracoli della Santa, dipinti da Gerolamo Della Pacchia, mentre gli Angeli sovrastanti l’altare furono affrescati dal Sodoma.
Dalla Chiesa per una scaletta, si scende nella cantina dove si verificò il miracolo della botte inesauribile e dalla parte opposta si trova il Museo della Contrada dell’Oca, che conserva tutti i cimeli del Palio.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana