Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Giovedì 20 Luglio 2017
Italiano English

Il Terzo di Camollia – le vie principali

Email this page | Printable
Il Terzo di Camollia, lungo le sue arterie principali (Via Banchi di Sopra, Via dei Montanini e Via Camollia), si caratterizza per la presenza di antiche chiese, palazzi signorili, testimoniando una Siena nobile, aristocratica ma nello stesso tempo popolare, perchè parte di questo quartiere con il rione di Ovile e quello di Fontebranda fu abitato da generazioni di tintori e lanaioli.
L’itinerario che porta alla scoperta del Terzo di Camollia, inizia da Piazza Indipendenza di epoca ottocentesca, dove sorgono il medievale palazzo Ballati, l’Accademia dei Rozzi del 1531 e annesso il Teatro omonimo. Dal lato sinistro della piazza, si accede a via Diacceto e si entra nel rione di Santa Caterina poi si scende in Fontebranda attraverso Via Galluzza, suggestiva strada medievale, la quale nella parte iniziale si caratterizza di otto archetti di controspinta. Il rione prende nome dalla fonte medievale posta nella parte più bassa della strada; Fonte Branda, è forse la più famosa e più antica fonte senese (1081), ristrutturata da Giovanni di Stefano nel 1246.
Dalla Fonte Branda ci si immette nella Via di Santa Caterina, nella quale vi è la chiesa omonima, divenuta Oratorio della Nobile Contrada dell’Oca, più avanti si arriva al Santuario e Casa di Santa Caterina. Da qui, ci si immette a sinistra in Via della Sapienza che giunge alla piazza san Domenico dove sorge la grande Basilica omonima, che domina la vallata di Fontebranda. Il nome della via, fa riferimento alla “Casa della Sapienza” dell’Università che fino al secolo XIX ebbe sede nel palazzo dove oggi si trova la Biblioteca Comunale.
Da via della Sapienza si continua per via delle Terme, dove si trova la chiesa di San Pellegrino, da qui prendendo per il vicolo della Rosa, si taglia via dei Termini, per poi giungere a Piazza Tolomei, nel cuore di Via Banchi di Sopra, considerato il “corso” dei senesi. Nella piazza è possibile ammirare l’omonimo Palazzo il più antico edificio privato di Siena. La via dei Banchi di Sopra corrisponde al tratto centrale dell’antica via Francigena, con Via dei Banchi di Sotto, rappresenta la strada più elegante della Siena medievale, si possono infatti ammirare importanti edifici come il palazzo Gori-Pannilini, sede del Grand Hotel Continental, il cinquecentesco palazzo Bichi Ruspoli, il palazzo Spannocchi, elegante struttura rinascimentale, il palazzo Tantucci del 1548, sullo sfondo della piazza il trecentesco palazzo Salimbeni. Dopo piazza Salimbeni, ci si immette in Via dei Montanini, subito sulla sinistra si trova la chiesa romanica di Sant’Andrea al cui interno sono conservate opere di scuola senese. Proseguendo per questa via, si incontrano una serie di palazzi signorili, il palazzo Ottieni della Ciaia del XV secolo, il cinquecentesco palazzo Turamini (poi Grisaldi del Taja), fino ad arrivare alla chiesa di Santa Maria delle Nevi del 1471.
Proseguendo per via dei Montanini ci si immette in Via di Camollia, uno dei più antichi segmenti urbani della via Francigena e cuore della contrada dell’Istrice. Lungo la via si trova la chiesa di san Pietro alla Magione, sorta come ospizio per i pellegrini, fondata dai Templari, di fronte si trova la casa dell’architetto e pittore Baldassarre Peruzzi, mentre sulla destra la medievale chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio, Oratorio della Contrada Sovrana dell’Istrice. Poco più avanti, al termine della via l’imponente Porta camollia realizzata nel XIII secolo e ricostruita nel 1604.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana