Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Domenica 24 Settembre 2017
Italiano English

Museo Civico

Email this page | Printable
Dal cortile del Palazzo Pubblico – superbo e armonioso esempio di architettura gotica civile – si accede al Museo Civico (istituito negli anni Trenta del secolo scorso), che conserva splendide opere di pittura e di scultura assieme ad affreschi di straordinario valore artistico e documentario della famosa scuola pittorica senese.

Salite due rampe di scale si è davanti all’ingresso delle Sale monumentali, e volgendo subito a destra si entra nella Sala del Mappamondo, nucleo portante del palazzo, essendo stata a lungo destinata alle riunioni del Consiglio Generale della Repubblica. Il nome proviene da una perduta mappa rotante dipinta da Ambrogio Lorenzetti, che raffigurava l’antico territorio della Repubblica. Da questa sala prese avvio il programma decorativo del Palazzo, sulla parete di fondo è ospitato l’affresco di Simone Martini, la grandiosa “Maestà” del 1312-15, ancora ammirevole per la delicatezza degli accordi cromatici, per la purezza delle linee. E’ il primo capolavoro noto del pittore, che sulla parete di fondo effigiò vari anni dopo nel 1328 il ritratto del condottiero “Guidoriccio da Fogliano” conquistatore del Castello di Montemassi.

Accanto, la meravigliosa Sala dei Nove, dove un tempo si riuniva il governo dei Nove (nel tempo ha avuto vari nomi: “delle balestre” perché fu destinata ad armeria, “della Pace” da una delle figure qui rappresentate), i quali nel 1337 incaricarono Ambrogio Lorenzetti di decorare la sala con il ciclo di affreschi noto come “L’allegoria del buono e cattivo governo”. Si tratta di un dipinto di grande sapienza, un manifesto politico in cui il pittore vi racconta di due diversi modi di governare con le relative conseguenze, rappresenta il più vasto ciclo pittorico profano del medioevo.

Ritornando nella Sala del Mappamondo, si passa a sinistra, nell’Anticappella, anticamente usata come anticamera del Concistoro, ospitandone gli uffici. Nel 1415 Taddeo di Bartolo, fu incaricato di decorarla con un ciclo pittorico di “Virtù Dei e Uomini Illustri”.
Una bella cancellata quattrocentesca (su disegno di Jacopo della Quercia) chiude la Cappella, realizzata all’inizio del XV secolo, molto più ampia rispetto a quella che si trova al piano terra, in quanto doveva rispondere alle nuove esigenze religiose di una comunità senese che andava sempre più ad accrescere. Della sua decorazione fu ancora incaricato Taddeo di Bartolo con “Storie della Madonna” (1407).

L’attigua sala di passaggio o “dei Cardinali”, ci introduce alla Sala del Concistoro, con porta interna marmorea di Bernardo Rossellino. Gli affreschi del soffitto (1529-1535), dai colori smaglianti, sono di Domenico Beccafumi, il cui soggetto ci riporta ancora al tema della giustizia e all’amor patrio, con un chiaro riferimento ai precedenti episodi sviluppati da Ambrogio Lorenzetti con il ciclo del “Buon governo” e Taddeo di Bartolo con il ciclo degli “Uomini Illustri”. Accanto alla Sala del Concistoro è la Sala di Balia o dei Priori, abbellita dagli affreschi di Spinello Aretino (1407), illustranti la “Vita di Papa Alessandro III dei Bandinelli”.

Segue la Sala del Risorgimento, conosciuta come la Sala di Vittorio Emanuele II, inaugurata nel 1890, le cui pareti sono interamente affrescate da pittori senesi di fine Ottocento, con episodi dell’Unità d’Italia. Al piano superiore si apre una grande Loggia, che guarda alla parte sud della città. Infine, di recente istituzione, le sale attigue all’ingresso, ospitano la Quadreria, qui sono presenti numerosi affreschi staccati, tavole e tele appartenenti sia alla scuola senese che ad altri artisti italiani e stranieri.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana