Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Lunedì 29 Maggio 2017
Italiano English

Palazzo Chigi-Saracini

Email this page | Printable
Via di Città è la strada più elegante e solenne di Siena perché fiancheggiata da austeri palazzi medioevali, tra questi troviamo il trecentesco Palazzo Chigi-Saracini ed attualmente sede della prestigiosa Accademia Musicale Chigiana, istituita nel 1932.

Siena Online Siena - Palazzo Chigi
Siena - Palazzo Chigi


Il palazzo fu costruito dalla potente famiglia ghibellina dei Marescotti verso la metà del XII secolo, la quale vi eresse la massiccia torre in pietra, nelle trifore della facciata è ancora oggi visibile lo stemma della famiglia: un’aquila con le ali spiegate. Anticamente il palazzo, prima che venisse costruito il Palazzo Pubblico, fu sede del Consiglio della Repubblica di Siena ed è diviso su due piani: il primo in pietra e il secondo in mattoni, caratterizzato da due ordini di trifore.

Nel 1506 venne acquistato dai Piccolomini-Mandoli, una delle famiglie nobili più importanti della città, i quali apportarono al palazzo delle modifiche (sia nella struttura che nella decorazione) conferendogli un aspetto rinascimentale; nel 1770 passò alla famiglia Saracini e, su commissione di Marcantonio Saracini, la facciata fu ampliata piegandosi lungo la curva della strada. I lavori di ristrutturazione vennero portati a termine nel 1824 dal figlio Galgano Saracini, grazie al quale il palazzo, nelle sue splendide sale, si arricchisce della sua importante collezione di opere d’arte, ben oltre dodici mila pezzi. Nel 1806 ad opera dello stesso Galgano venne inaugurato il museo, allestito all’interno del palazzo gotico ed aperto al pubblico degli appassionati di arte e degli allievi dell’Istituto di Belle Arti. Nel 1877, quando la famiglia Saracini si estinse, il palazzo venne ereditato dai Chigi.

L’ultimo proprietario del palazzo fu il Conte Guido Chigi Saracini, che ne ordinò una nuova ristrutturazione incaricandovi l’architetto Arturo Viligiardi. Nel 1932, per volontà del Conte, venne qui istituita l’Accademia Musicale Chigiana, centro internazionale per il perfezionamento degli studi musicali. Il successo dell’Accademia fu subito grande, la fama della Chigiana si sparse in tutto il mondo, richiamando nella città importanti musicisti che affiancheranno il Conte Chigi Saracini nella creazione dei corsi (fra tutti ricordiamo Alfredo Casella, il quale aiutò il Conte proprio nel momento della nascita, dell’ideazione dell’Accademia), da cui sono usciti artisti come Claudio Abbado, Salvatore Accardo, Carlo Maria Giulini, ecc.

Dal 1923, all’interno della Sala dei Concerti in stile rococò, si tiene una prestigiosa stagione di concerti invernali denominata dal motto della famiglia Chigi “Micat in Vertice”; nel 1939 fu creato il Festival “Settimana Musicale Senese” attraverso il quale si è riscoperta la musica di Antonio Vivaldi. Nel 1961 l’Accademia Musicale Chigiana diviene una Fondazione grazie al lascito di tutto il patrimonio del Conte che ancora oggi, dopo la sua morte avvenuta nel 1965, gli permette di vivere insieme ai finanziamenti da parte di vari enti come: la Fondazione Monte dei Paschi di Siena e la Banca Monte dei Paschi di Siena, sponsor di molti concerti.

L’Accademia al suo interno conserva la vastissima collezione di opere d’arte appartenenti ai maggiori artisti della pittura italiana, in particolar modo senese, tra cui ricordiamo il Sassetta, il Sodoma, il Beccafumi, il Botticelli, e comprende: molte sculture, oggetti in avorio, in porcellana, in argento e una raccolta di ceramiche risalenti a scuole italiane del Cinquecento-Settecento. L’Accademia Chigiana possiede inoltre una Biblioteca sia letteraria che musicale, la quale comprende circa 70.000 volumi, ricca di edizioni rare, di autografi, manoscritti di varie epoche e una bella Collezione di strumenti musicali soprattutto ad arco (allestita in tre sale dotate di vetrine di sicurezza e di climatizzazione).
Attualmente il direttore artistico è il maestro Aldo Bennici.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana