Il nostro network: Guide | Hotels e Alloggi
Lunedì 24 Giugno 2019
Italiano English

Escursione: percorriamo l’antica Via Francigena

Email this page | Printable
L’origine di questa antica strada si deve ai Longobardi, i quali se ne servirono per collegare le regioni della Tuscia e della Padania, denominata “Mons Longobardorum” poi Strada di Monte Bardone, attraversava varie località della regione Toscana e dell’Emilia, che costituivano appunto il Regno Longobardo.
Fu con i Franchi, succeduti ai Longobardi, che la via prende il nome di Francisca o Francigena (via generata dai Franchi) ed assume particolare importanza nell’alto medioevo, quale strada di grande comunicazione che consentiva ai pellegrini di giungere da Santiago de Compostela (Spagna) a Roma, proseguendo fino in Palestina.
Lungo questo percorso sorsero con il tempo diversi centri d’accoglienza, ospedali, abbazie, chiese e si costruirono ponti, per rendere il tragitto più comodo e sicuro per molti mercanti, facilitando così lo sviluppo dei traffici commerciali tra l’Italia ed il nord Europa.

Per andare alla scoperta dell’antica Via Francigena, per ciò che concerne il versante toscano a sud di Siena si percorre un tratto della Via Cassia per poi inoltrarsi nella Val d’Arbia, dove la prima località che si incontra è Isola d’Arbia, la cui Chiesa di Sant’Ilario, a pochi passi dal paese, era meta dei molti pellegrini che percorrevano questa via avendo come destinazione la città di Roma. Dopo una decina di km, si arriva a Buonconvento, altro piccolo borgo – centro strategico nei possedimenti di Siena – nel quale i pellegrini trovavano vitto e alloggio nei centri d’accoglienza, alcune di queste strutture sono oggi dei caratteristici agriturismi. Proseguendo verso Montalcino, non si può fare a meno di visitare l’Abbazia di Sant’Antimo, per poi giungere a San Quirico d’Orcia, antico borgo medievale, rimasto intatto negli anni, a pochi km si trova Bagno Vignoni, con la sua celebre piazza d’acqua, che era ed è, un’importante stazione termale. Passato Bagno Vignoni, si raggiungono le roccaforti di Castiglion d’Orcia ( Rocca Aldobrandesca) e Rocca d’Orcia, con la maestosa Rocca a Tentennano. Sempre proseguendo verso sud, si giunge nel suggestivo territorio del Monte Amiata, fatto di boschi di castagni, il cui centro maggiore è rappresentato da Abbadia San Salvatore, in cui ha sede l’Abbazia di San Salvatore, da questa località la via Francigena, lascia la regione Toscana e nel suo percorso verso la città di Roma, spesso tenderà ad intrecciarsi con la via Cassia.

Altro itinerario, che ci porta a percorrere un tratto della via Francigena in territorio toscano, è quello che attraversa la Val d’Elsa, dove si incontrano molti castelli e antiche Pievi.
Partendo da Siena si prende la Cassia in direzione Monteriggioni, si prosegue fino ad arrivare nella zona di Pian del Lago, dove si erge l’imponente Castello della Chiocciola.
Tornati sulla Cassia, si svolta per Poggibonsi, nelle cui vicinanze è possibile ammirare il Castello di Lecchi, mentre poco più avanti si trova il Castello di Strozzavolpe con la pieve di Luco e in località Talciona non si può fare a meno di visitare la pieve romanica del secolo XII. Tornati nuovamente a Poggibonsi, si seguono le indicazioni per Castellina in Chianti, dove nei pressi di Cedda si trova la pieve romanica del XII secolo dedicata a San Pietro.
Sempre da Poggibonsi si seguono le indicazioni per Certaldo, località rinomata per i suoi alberghi e ospedali, centro di sosta per tutti i viaggiatori, prima di riprendere il lungo e faticoso cammino.

 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana