Il nostro network: Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi
Lunedì 29 Maggio 2017
Italiano English

Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico

Email this page | Printable
Il Terzo di Città, rappresenta il nucleo abitativo originario di Siena, centro della vita medievale della città, i cui resti sono documentati da ex porte e da tratti di mura, oggi completamente assorbiti nel tessuto urbano. L’ampliamento maggiore del Terzo di Città, si ebbe nel Quattrocento.
Nel Trecento questa parte della città era la più popolosa e ricca per la presenza di splendidi palazzi nobiliari per la maggior parte disposti lungo Via di Città che collega il centro politico (Piazza del Campo con Palazzo Pubblico, Torre del Mangia, Palazzo Sansedoni) a quello religioso (Duomo – Santa Maria Assunta, Spedale di Santa Maria della Scala).

La scoperta del Terzo di Città comincia da Piazza del Campo, la Croce del Travaglio è il punto in cui convergono le tre strade che hanno originato lo sviluppo di Siena: Banchi di Sotto, Banchi di Sopra e Via di Città.
Percorrendo Via di Città, arriviamo a un incrocio che origina una piazzetta detta dei Quattro Cantoni (Piazza Postierla), cuore della contrada dell’Aquila. Questa Piazza nei secoli XV e XVI, era il luogo di ritrovo della nobiltà senese, poi spostatosi alla Loggia della Mercanzia conosciuta con il nome di Casin dé Nobili.

Da piazza Postierla, sulla sinistra si apre via San Pietro, una strada molto elegante fiancheggiata dai palazzi Buonsignori e Brigidi, mentre sulla destra si imbocca Via Stalloreggi, caratterizzata da alcune case-torri in pietra ancora ben conservate, lungo questa strada abitava Duccio di Buoninsegna, qui si incontra il Tabernacolo del Sodoma con la Pietà. Al termine di Via Stalloreggi si raggiunge l’Arco delle due Porte, arco dell’antica cinta muraria dell’XI secolo, proseguendo si entra nel semicerchio di Pian dei Mantellini, dove troviamo la chiesa di San Niccolò al Carmine, il palazzo Celsi-Pollini e il neoclassico palazzo Incontri.

Ritornando verso Via Stalloreggi, a metà della via si apre la piazza del Conte, la quale ci immette in Via San Quirico, dal nome dell’omonima chiesa una delle più antiche della città. E’ intitolata ai Santi Quirico e Giulitta, l’attuale chiesa risale al tardo XVI secolo, anche se ci sono tracce di un edificio precedente, forse del XII – XIII secolo, presenta un portale di stile romanico e al suo interno ci sono alcuni affreschi di Ventura Salimbeni e Alessandro Casolari, un dipinto di Pietro Sorri che raffigura La corona di spine e una tela di Francesco Vanni, Ritorno dalla fuga in Egitto.
Via San Quirico è il cuore della Contrada della Pantera, la cui sede è al numero civico 26, dove è possibile visitare il Museo.
 

All'inizio

  Informazioni generali
Siena nell’Antichità 
Siena nel Rinascimento 
Siena nel Medioevo 

  Muoversi in città
Mappa della città 
Autobus 

  Muoversi fuori città
Autobus 
Aeroporto 
Treni 

  Dove dormire
Hotel a Siena e dintorni 
Bed & Breakfasts 
Residenze Storiche 
Agriturismi e Country House 
Residence, Appartamenti 

  OFFERTE & LAST MINUTE
Centro Prenotazioni Siena 
Last minute Siena 

  Dove mangiare e bere
Discoteche 
Ristoranti 
Pub & Wine Bar 

  Istruzione, formazione
Università per Stranieri di Siena 
Università degli Studi 

  Arte e monumenti
Il Duomo – La cattedrale dell’Assunta 
Palazzo Piccolomini e delle Papesse 
Palazzo Chigi-Saracini 
Palazzo d’Elci degli Alessi 
Loggia della Mercanzia  
Palazzo Sansedoni 
Fonte Gaia 
Palazzo Chigi-Zondadari 
La Certosa di Pontignano 
Il borgo di Sovicille 
Il Castello di Belcaro 
Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea 
Il Castello delle Quattro Torri 
La Montagnola Senese 

  Arte e religione
Il Santuario Cateriniano 
Basilica dell’Osservanza 
Oratorio di San Bernardino 
Chiesa di San Francesco 
Santa Caterina da Siena [Caterina Benincasa] 
Il Santuario Cateriniano 
Chiesa di S. Agostino 
La Chiesa di S. Niccolò al Carmine 

  Musei e gallerie
La Pinacoteca Nazionale 
Museo Aurelio Castelli 
Museo Civico 
Museo Bologna-Buonsignori 
Accademia dei Fisiocritici 
I Musei in provincia di Siena 

  Attrazioni turistiche
Cappella di Piazza 
Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia 
Piazza del Campo 

  Il Palio di Siena
Le origini 
Il Palio di Luglio ed il Palio di Agosto 
Le contrade 
I giorni del Palio 
Il drappellone o Palio 
La sera della vigilia del Palio 
Il corteo storico 
La corsa 
Il Santo Patrono e l’Oratorio di ogni contrada 
Appuntamenti settimanali nei rioni a partire dal mese di aprile 

  Itinerari in città
Costarella dei Barbieri (la Mossa) 
Piazza Croce del Travaglio: Banchi di Sopra, Banchi di Sotto e Via di Città 
Via di Città (ex via Galgaria), la strada più elegante di Siena 
Da Piazza del Campo al Duomo per Via di Città 
Le curve di Piazza del Campo 
Il Borgo d’Ovile 
Il Terzo di Camollia – le vie principali 
Il Terzo di S. Martino – le vie principali 
Il Casato di Sopra e il Casato di Sotto 
Il Terzo di Città – Via Stalloreggi, Via S. Quirico 
Il Terzo di Città 
Veduta aerea del Centro Storico 

  cosa Vedere & Fare
Bagno Vignoni - le acque termali 
Bagni San Filippo 
San Casciano dei Bagni 
Chianciano Terme 
Il Senese e le stazioni termali 
Rapolano Terme 

  Monte Amiata
Monte Amiata vacanze per quattro stagioni 
Le scuole di sci monte Amiata 
Impianti risalita Monte Amiata 
WebCam sul Monte Amiata 
Meteo Monte Amiata 

  Speciale - Fuori città
Cofanetti Regalo e Idee per viaggiare 
Montalcino e la terra del Brunello 
Cortona e la Val di Chiana 
Montepulciano: visitiamo il centro storico 
Pienza: visitiamo il centro storico 
La Val d’Orcia ed i suoi principali centri 
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le Crete 
San Quirico d’Orcia: visitiamo il centro storico 
Le Crete Senesi 
Castellina in Chianti e la via Chiantigiana (fino a Siena) 
I monti del Chianti: il monte Calvo, il monte Luco ed il monte S. Michele 
Dal Castello di Montalto al Castello di Brolio fino al Castello di Meleto 
San Gimignano: visitiamo il centro storico ed i suoi più importanti monumenti 
La Val d’Elsa: Monteriggioni e Colle di Val d’Elsa (il Castello di Piticciano o Colle Nuovo) 
Siena e il Chianti meridionale 

  Prodotti tipici & Artigianato
Artigianato Toscano e Prodotti Tipici della Toscana